L’alpaca

 

ouWFzsaE.jpg

L’alpaca è un mammifero della famiglia dei camelidi, addomesticato e allevato soprattutto per utilizzarne la lana, che presenta particolari caratteristiche di setosità, è caldissima ed anallergica, ed essendo priva di lanolina non infeltrisce. Originario degli altipiani andini, ha una storia antica risalente a 5000 anni fa.
Dalla metà dell’ 800 viene riscoperto come animale non da soma ma da allevamento: non sciupa alberi o cespugli e si nutra di circa un chilo di fieno al giorno. Al garrese raggiunge un’altezza di circa 110 cm, il vello presenta 22 colorazione conosciuta. La gestazione dura dai 330 ai 360 giorni e l’unico piccolo che nascerà è definito Cria. Non necessita di cure particolare (a parte le vaccinazioni). Talvolta è bene integrare l’alimentazione con mangime a base vegetale. Vivono bene anche in piccoli gruppi, sia la razza hucaya sia la razza suri vengono tosati una volta all’anno.
Con l’avvento delle fattorie didattiche, l’alpaca viene sempre più usato anche in Italia per gli interventi assistiti con gli animali, in particolar modo per iperattività e autismo. Gli alpaca sono docili e affettuosi.

Trovo molto interessante il progetto della Farm Community Cascina Rossago e vi segnalo il link per ulteriori approfondimenti. Dal 2013 quest’allevamento è gestito da persone con diagnosi di autismo: www.alpacarossago.org

Stefania Isabella